Freddie Mercury (e non solo): la musica inglese negli scatti di Denis O’Regan

Freddie Mercury (e non solo): la musica inglese negli scatti di Denis O’Regan

Freddie Mercury (e non solo): la musica inglese negli scatti di Denis O’Regan
©Denis O’Regan 2019

Freddie Mercury re del palco, fiero con una corona in testa e indosso un mantello d’ermellino. I Queen sono all’apice del successo quando Denis O’Regan immortala il loro leader in una delle foto che hanno fatto la storia della musica rock. Le star per diventare icone immortali hanno bisogno di simboli, di attimi memorabili che qualcuno sappia cogliere e restituire al pubblico. Necessitano di filtri e di sguardi che elevino la loro arte a qualcosa che va oltre la normalità della vita. Non è solo questione di far sognare i fan con immagini da appendere nella cameretta ma è dare corpo a una dimensione altra in cui i “comuni mortali” possono proiettarsi. Certo la musica e il genio artistico sono una parte del successo di band e cantanti, ma nell’epoca dell’apparire contano le tante fotografie che fissano negli occhi l’idea e l’immagine da star.

È quanto ha fatto Denis O’Regan, fotografo londinese classe 1953, che ha immortalato la scena musicale inglese fin dalla fine degli anni Settanta. Davanti al suo obiettivo si sono immolati nomi sacri quali David Bowie, U2, Amy Whinehouse, Rolling Stones, Bob Marley. Con la sua macchina fotografica ha colto i movimenti underground del punk, del rock, e le mille sfumature sonore che hanno colorato le nebbie d’Oltremanica. Ha restituito il backstage di concerti memorabili come il Live Aid e il “Concert for Diana”.

È lui il protagonista della mostra “Helicopter’s days. I queen di Denis O’Regan” allestita fino all’1 febbraio alla Ono arte contemporanea. In questo caso il concerto memorabile restituito dalle foto è la tappa di “The Magic Tour” tenuto dai Queen nel 1986 al Knebworth Park di Londra: sotto al palco arrivarono circa 115.000 persone e la band fu costretta ad arrivare sul posto in elicottero. O’Regan seguì il trasporto a bordo di un altro velivolo, riprendendo la distesa umana che occupava il parco.

“Nella mia foto più importante dei Queen, i Queen non si vedono – avrebbe detto più tardi il fotografo – ma questo è anche la testimonianza di quanto fossero diventati grandi. E l’elicottero parlava per loro.”
L’intera mostra comprende in tutto una quarantina di stampe, in bianco e nero e a colori, dedicate alla tournée dei Queen e a diversi momenti della vita artistica di altre star della musica rock.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *